Erasmus+

Progetto eTwinning Eratostene – link presentazione e video

DISSEMINAZIONE -link alla comunicazione

Scheda documentazione Erasmus KA1 -2017 USR

Official programme of the CREAT.MOBILE October2017

ARE YOU A 21st CENTURY TEACHER

CREF LINKS

How to use Quizlet Live

KAHOOT

Lesson one – CREATIVITY

OCTOBER COURSE 2017 EVALUATION

ONLINE WEB TOOLS FOR CREATIVE TEACHERS

QUIZIZZ

STEAM MODULE APPROACH

TheCloud_Set16

10 Big Concerns About Tablets In The Classroom

Activities to promote creative and critical thinking skills

Collaborative writing

Collaborative writing3

Creative learning

Key strategies for tablet success

PBL.ProblemBasedLearning

TAPPS Think Aloud

TAPPS Think Aloud2

The finger tips of choosing a book to read

The IPad as a Tool for Education

The Limits to Creativity in Education

The use of Humour as a Teaching too

lLink alla sezione del sito web dedicata al progetto

Think Pair strategy

WORDL

Mobilità per l’apprendimento – Azione chiave 1

INFORMAZIONI VALIDE PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO 2018
La scuola può presentare un Progetto di mobilità che coinvolga sia il personale docente che non docente. La formazione europea diventa un’esperienza di crescita professionale e di sviluppo di nuove competenze che parte dalle esigenze dell’istituto nel suo insieme.

Chi può candidarsi
Tutti gli Istituti scolastici statali, comunali o paritari, che forniscono istruzione generale, professionale o tecnica a ogni livello, dall’istruzione pre-scolare a quella secondaria superiore di qualsiasi indirizzo, sia generale che tecnico o professionale.
Le scuole italiane all’estero in uno dei paesi del Programma e dipendenti dal MIUR, possono presentare la loro candidatura presso questa Agenzia Nazionale. Non possono essere richieste mobilità per l’Italia o per il Paese in cui ha sede la scuola.
Un Consorzio composto da minimo due scuole coordinate da un’autorità scolastica locale/regionale. Per autorità eleggibile come capofila di un Consorzio di scuole si intendono: gli Uffici Scolastici Regionali, La Sovrintendenza Scolastica della Valle d’Aosta, il Dipartimento della Conoscenza della Provincia di Trento, le Intendenze Scolastiche della Provincia di Bolzano. I membri possono essere soltanto scuole.
I membri del Consorzio devono compilare e firmare il mandato. Si tratta del documento con il quale i partner delegano al coordinatore del progetto, la gestione dell’intero budget e l’implementazione del progetto
Attività possibili
Un progetto di mobilità può comprendere varie tipologie di attività presso scuole o Enti con sede in un paese diverso dal proprio tra i paesi partecipanti al Programma

Attività di insegnamento
Questa attività permette a tutto il personale docente di insegnare presso una scuola partner europea.
Gli istituti di invio e di accoglienza devono essere scuole.

Corsi strutturati o eventi di formazione
Partecipazione a conferenze, seminari, corsi strutturati

Job shadowing
Periodo di osservazione presso una scuola partner o in un altro ente competente in materia di istruzione scolastica

Ruolo della scuola e Progetto di mobilità
Erasmus+ non prevede la possibilità di candidature individuali. È l’istituzione scolastica che presenta un unico progetto di mobilità per il proprio staff docente e non docente, di ogni livello scolastico. L’Istituto presenta un’unica richiesta di sovvenzione per un progetto che può prevedere più tipologie di attività con una diversa durata, diverse destinazioni, diversi partecipanti a seconda delle esigenze formative della scuola.
La scuola è pienamente responsabile della gestione del progetto. I nominativi dei singoli partecipanti e i dettagli del corso non sono richiesti nel modulo di candidatura.
Un progetto di mobilità è composto dalle seguenti fasi che dovranno essere descritte nella candidatura:

Preparazione
Include gli accordi pratici, la selezione dei partecipanti, la disposizione di accordi tra i partner e i partecipanti, la preparazione linguistica/interculturale prima della partenza
Attuazione delle attività di mobilità
Follow up
Questa fase comprende la valutazione delle attività, il riconoscimento dei risultati di apprendimento dei partecipanti, la diffusione e l’utilizzo dei risultati del progetto.
Il piano di Sviluppo Europeo – European Development Plan
È una sezione fondamentale del modulo di candidatura che richiede la descrizione dei bisogni formativi, la rilevanza delle attività previste sia per i singoli partecipanti che per la scuola nel suo complesso e l’impatto atteso sulla qualità dell’insegnamento e dell’apprendimento.

Partenariati strategici – KA201

INFORMAZIONI VALIDE PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO 2018
I Partenariati strategici fanno parte dell’Azione Chiave 2, Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche. Sono progetti di cooperazione transnazionale di piccola e larga scala che offrono l’opportunità alle organizzazioni attive nei settori istruzione, formazione e gioventù, a imprese, enti pubblici, organizzazioni della società civile etc. di cooperare al fine di:

attuare e trasferire pratiche innovative a livello locale, regionale, nazionale ed europeo
modernizzare e rafforzare i sistemi di istruzione e formazione
sostenere effetti positivi e di lunga durata sugli organismi partecipanti, sui sistemi e sugli individui direttamente coinvolti.
Leggi obiettivi e priorità dei Partenariati Strategici nel Settore Istruzione e Formazione

Priorità
È fondamentale che il progetto risponda ad almeno una tra le priorità europee specifiche del settore oppure una tra le priorità politiche orizzontali, identificate dalla Commissione Europea, comuni a più settori. La rilevanza delle candidature proposte rispetto alle priorità è oggetto di valutazione e ha un peso determinante nell’attribuzione del punteggio finale.

Priorità per il settore Istruzione scolastica 2018

Approccio settoriale o transettoriale
I Partenariati possono coinvolgere un’ampia gamma di partner al fine di trarre vantaggio dalle diverse esperienze, profili e competenze specifiche e di produrre risultati del progetto pertinenti e di alta qualità.
APPROCCIO SETTORIALE
–> costruire il progetto su obiettivi politici, sfide e bisogni del settore Istruzione scolastica
APPROCCIO TRANSETTORIALE
–> aprire l’istituzione alla cooperazione con organizzazioni provenienti da settori diversi.

Chi può candidarsi
L’organizzazione che presenta la candidatura deve avere sede in un paese aderente al Programma.

Istituti scolastici di ogni ordine e grado
Qualsiasi organizzazione attiva in ambito istruzione, formazione, gioventù e mondo del lavoro
Guarda l’elenco delle istituzioni eleggibili
Vai alle Disposizioni nazionali allegate alla Guida del Programma per il 2018
Caratteristiche generali
Composizione del partenariato: almeno 3 organizzazioni di 3 paesi diversi tra quelli partecipanti al Programma, senza limiti massimi
Candidatura: viene presentata solo dal coordinatore alla propria Agenzia nazionale
I partner delegano il coordinatore ad agire a loro nome durante l’attuazione del progetto attraverso un mandato che deve essere allegato alla candidatura o inviato al più tardi con la convenzione.
Valutazione qualitativa: è affidata all’Agenzia nazionale del paese del coordinatore.
L’erogazione del finanziamento è affidata interamente al coordinatore.
Durata: da 12 a 36 mesi
Sovvenzione: fino a un massimo di 450.000 €
Modulo di candidatura: KA201 – eForm Partenariati strategici istruzione scolastica
Due tipi di Partenariati strategici
Progetti per innovazione

Devono sviluppare risultati innovativi e/o disseminare e mettere in pratica prodotti o idee innovative preesistenti. A tal fine, è previsto un budget specifico per la realizzazione di opere di ingegno e relativi eventi moltiplicatori. Le organizzazioni possono realizzare partenariati con scuole e/o istituzioni europee per stimolare la crescita delle competenze professionali, innovare le pratiche educative e la gestione organizzativa. Possono candidarsi gli istituti scolastici di ogni ordine e grado e/o qualsiasi organizzazione attiva in ambito istruzione, formazione, gioventù e mondo del lavoro interessata a cooperare nel settore istruzione scolastica.

Caratteristiche specifiche

Devono sviluppare, collaudare e trasferire, prodotti o metodi innovativi
È previsto un finanziamento specifico per Opere dell’ingegno ed Eventi moltiplicatori
Modulo di candidatura: KA201 – eFORM Partenariati strategici istruzione scolastica
Progetti solo tra scuole

PARTENARIATI STRATEGICI PER LO SCAMBIO DI BUONE PRATICHE
Questi progetti sono dedicati al creare o consolidare reti e confrontare idee, pratiche, metodi, e produrre risultati finali che devono essere disseminati in maniera proporzionale rispetto agli obiettivi e alla dimensione del progetto.
Al contrario dei partenariati per l’innovazione, in questa tipologia di progetto non è previsto un budget specifico per la realizzazione di prodotti finali. Gli output devono essere realizzati con i fondi previsti per la gestione e implementazione del progetto.

Caratteristiche specifiche

Promuovono la cooperazione nel settore istruzione scolastica, il confronto tra scuole e altre organizzazioni attive in ambito istruzione, formazione, gioventù e mondo del lavoro interessata a cooperare nel settore istruzione scolastica.
Prevedono output finali di progetto ma non Opere d’ingegno e Eventi moltiplicatori
Modulo di candidatura: KA201 – Webform Partenariati strategici istruzione scolastica

Allegati

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network. Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Chiudi